Alleati non si nasce, si diventa

Alleato è una bella parola, sa di complicità e fratellanza o sorellanza a seconda dei casi, ma esserlo, un alleato, per qualcuno che ha meno privilegi di noi è fondamentale per migliorare la società in cui viviamo.

Sto parlando di alleati etero cishet che supportano la lotta per il pieno riconoscimento dei diritti civili e umani delle persone LGBT+

Partiamo da un principio assolutamente fondamentale che dobbiamo tenere sempre a mente, gli alleati sono persone privilegiate. Partono da una posizione di privilegio a livello sistemico e i dati e la storia ce lo dimostrano… fortunatamente basta fare una semplice ricerca su internet per capirlo.

Quindi se siete quelle persone che non fanno un passo indietro per comprendere i privilegi che hanno senza sentirsi minacciati ( Da cosa? Ancora lo dobbiamo capire… ) chiudete questa pagina, studiate e fate autoanalisi perché a prescindere dal caso particolare, il mondo è più grande del vostro orticello personale. Ci vuole tanto, tantissimo lavoro per capirlo e forse non si smette mai di lavorarci.

Chi è un buon alleato? Sta accanto, sostiene e ascolta.

Durante il mese del Pride gli alleati sono tantissimi; forse lo sei anche tu senza essere attivista semplicemente quando

non resti in silenzio davanti a un atto di omofobia o quando non ridi se qualcuno chiama froc*io qualcuno, quando rispetti i pronomi delle persone trans e lo fai notare a chi ti sta attorno beccandoti del polemico o politicamente corretto ( basta pensare a Ciro a cui è stata negata la propria identità dalla stampa nazionale dopo aver perso la propria compagna a seguito di un inseguimento da parte del fratello di lei che non accettava la loro relazione, dove purtroppo Paola è rimasta uccisa. )

Se essere politicamente corretto vuol dire non far soffrire il prossimo, quel prossimo di cui non si conosce nulla, ben venga esserlo. La scorrettezza tenetevela per chi ve la concede, imparate a rispettare le emozioni e le vite delle persone perché essere degli stronzi a una certa stufa.

Essere alleati per concludere non fa di voi delle persone migliori o più fighe, fa di voi semplicemente delle persone decenti.

Quando hai più diritti di qualcun’altro e ne sei consapevole, sarà una frase banale, ma devi combattere per chi non ce l’ha o ne ha di meno solo per il proprio orientamento sessuale, perché, ad esempio, prima o poi qualcuno o qualcosa si verrà a prendere anche i tuoi. La storia in questo è maestra.

Un esempio in cui vi siete sentiti negati un diritto?

I famosi dubbi su chi fossero i congiunti ve li ricordate?

Furono proprio le associazioni LGBT+ e persone singole a insorgere e a far chiarire la definizione esatta di chi fossero.

Abituati da sempre all’ invisibilità giudiziaria, istituzionale e sociale in quell’occasione sono stati i vostri più grandi alleati.

A voi è successo una volta sola in una situazione eccezionale e di emergenza e con buona pace dei vostri fidanzate o fidanzati ringraziate quelli che vengono vessati tutti giorni dalla legge e dalla società nel ” bellissimo mondo del politicamente scorretto. “

Qui LA MAPPA DEI CASI DI OMOFOBIA, LESBOFOBIA E TRANSFOBIA DEI PRIMI SEI MESI DEL 2020.

Tutti i diritti sono riservati a Lo Stagista Parlante ai sensi della legge 248/2000 della Rep. Italiana.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: